13 cose inquietanti

  • Ho visto una pubblicità di carne secca che comincia così: “Sei un appassionato di sopravvivenza?”. Insomma, se non ne profittiamo in questi giorni… difficile nascondere che speriamo in tempi peggiori, che nemmeno tentiamo di fare giri di parole, un po’ come se una ditta che produce vibratori facesse pubblicità su Famiglia Cristiana e scrivesse: “Sei un appassionato di strumenti a batteria?”.
  • Ci adeguiamo alla normativa europea sul diritto d’autore. La Stampa scrive “Stop al saccheggio dei giornali su internet”, bene, spero che ciò voglia dire che i giornali smetteranno di saccheggiare internet e cominceranno a fare il proprio mestiere; attualmente basta leggere il sito dell’Ansa.
  • Dal discorso di Rui Rio, capo dell’opposizione di destra al governo portoghese: «La minaccia che dobbiamo combattere esige unità, solidarietà, senso di responsabilità. Per me, in questo momento, il governo non è l’espressione di un partito avversario, ma la guida dell’intera nazione che tutti abbiamo il dovere di aiutare. Non parliamo più di opposizione, ma di collaborazione. Signor primo ministro Antonio Costa conti sul nostro aiuto. Le auguriamo coraggio, nervi d’acciaio e buona fortuna perché la sua fortuna è la nostra fortuna». Proprio come da noi.
  • Bene, ora vorrei parlarvi di 5G. Ci siete cascati eh?
  • Il gesto d’amore della Banca detto in soldoni; le piccole aziende dicono: non stiamo lavorando non riusciamo a pagare i dipendenti. lo Stato dice: le banche diano 1400 euro a dipendente per quelli messi in cassa integrazione dalle piccole aziende, lo Stato poi salderà il conto alla Banca entro 7 mesi. Bene. La Banca dice: siccome ho vago sentore di messa in culo, aggiungo un paletto: se entro 7 mesi lo Stato non mi dà i soldi, chiederò al dipendente la somma erogata e il datore di lavoro è co-responsabile. Bene, fra sette mesi la Banca, che non se la sente di rovinare il dipendente, proporrà un finanziamento al poveretto per il rientro dei soldi. Se il poveretto proprio non ce la fa, dovrà pagare il datore di lavoro che, nel frattempo, ha chiuso per 3 mesi. Poi, quando lo stato salderà, si torna a sorridere. Problemino: se la Banca non ci vuole rimettere, chi ci rimette? Visto come sta funzionando il sito dell’Inps, propongo di chiedere i soldi ai parenti, dicendo: prima o poi lo Stato me li dà, sono soldi sicuri.
  • in ogni caso l’Inps dice “Ragazzi, ma chi poteva prevedere questa pandemia?”. Beh, se non lo prevede la previdenza, chi cazzo deve prevederlo?!
  • Visto che vi piacciono tabelle e numeri, ecco un dato sanitario interessante: Ogni anno vengono intentate 35 mila nuove azioni legali contro i medici, ad oggi ne sono attive 300 mila, il 95% si conclude con il proscioglimento.
  • Nessuno ce ne parla del plasma. E così, dopo che lo hanno raccontato i giornali di mezzo mondo, dopo che già se ne parlava a proposito di altri contagi negli anni passati, dopo che comunque le cure si stanno sperimentando; forse l’unico modo di mettere a tacere chi ogni giorno amplifica il sospetto del grande silenzio, sarebbe che a trovare il vaccino fossero gli stessi che  stanno provando col plasma. Invece quel farmaco che Zaia voleva sperimentare perché aveva visto un video su internet, meno male che poi non se n’è parlato.
  • Un altro guru ha preso posto nel mio cuore, il giapponese di non so quante centinaia di anni, che fa incredibili esercizi fisici e spiega come mai è diventato il giapponese più forte del mondo. Non so cosa vende però.
  • Non so se significhi qualcosa, ma Trump ha visitato una fabbrica che realizza presidi sanitari in Arizona, tra cui anche mascherine contro il virus; non aveva la mascherina contro il contagio, ma occhiali protettivi. Va detto che però se ti avvicini a meno di due metri dal presidente forse ti sparano.
  • Ho visto l’intervista a uno scienziato che si lamentava che un altro scienziato perdeva tempo a fare interviste.
  • Non so manco che cazzo di differenza ci sia tra dna e rna e volete che sappia che differenza c’è tra un virologo, un immunologo e un epidemiologo? Io so solo che il giorno in cui sono riuscito a dire desossiribonucleico sono stato zitto 3 ore per conservare il ricordo del suono.
  • Questa cosa che vogliono trasformare le palestre in aule scolastiche mi preoccupa. I ragazzi devono muoversi, giocare, fare sport, dovrebbe essere una priorità educativa e sociale, cazzolina! Poi le aule, si può sempre fare che il 50% occupa i banchi vuoti del 50% che sta a casa a fare quello che l’altro 50% aveva fatto quando questo 50% era in aula, ma non so se debbano stare a casa propria o a casa dell’altro 50%, comunque si può fare così.